giovedì 14 ottobre 2010

Questa settimana è stata velocissima.
Non facile, ma veloce, almeno. 
Vorrei tanto che questo anno finisse domattina tipo.
E invece no, ancora c'è un mucchio di tempo.

Ho un mal di gola mostruoso.
Faccio finta di niente, bevo latte e miele,
ma inizio a parlare come amanda lear e questo non va bene.
L'umore è sempre altalenante.
A momenti sono insopportabile, anche e soprattutto per me stessa.
Ma bisogna prenderne atto e andare avanti, "incalalare l'energia", dicono.

Sto guardando corsi.
Di qualunque cosa, ma non c'è una cosa una, che mi prenda veramente.
O meglio, quello di inglese mi farebbe impazzire, ma sono già livello intermedio.
Per fare una cosa fatta bene dovrei asportarmi a Londra, e viverci per anni e anni e anni. 
Allora si che migliorerebbe in maniera drastica.
Andare a fare un corso a Parioli, col rischio di ritrovarmi con  un professore Abruzzese
( niente contro gli abruzzesi eh, ma la mia professoressa alle medie lo era...un incubo...andavo malissimo con lei tra l'altro...) non credo sia una grande idea.
Va beh,  lasciamo correre, che ho già voglia di picchiarmi abbastanza.

Nonostante le mie risposte, e nonostante i miei punti di vista,
qui si continua a darmi contro per la mia età e per la non presenza di figli.
Orrore.
La mia posizione s'è aggravata, dal momento che altre due ex compagne di scuola -disoccupate- hanno prodotto due splendidi bambini.Congratulazioni vivissime.
Ma al secondo "ma come mai tu niente ancora?" ho dovuto rispondere per forza male.
Io mica ti vengo a dire "come mai hai fatto un figlio?" che cazzo... un po' di rispetto!
Sono stanca di tutte queste donne con la sindrome de "l'illuminata". 
Niente in contrario, ma fa sembrare me aliena, e non credo sia esattamente così.
C'è un tempo per tutto,credo.
Ecco, questo è il momento in cui ci si rimbocca le maniche e si prova a vivere una vita quantomeno decente.
Sarà mica chiedere troppo?
E solo che non si può più vivere qui. Mi sa tanto...

1 commento:

  1. sister.. c'è un'ariaccia pure qua..
    questione casa nel bosco...cheppalle..

    RispondiElimina